Pelle mista, come prendercene cura? Vediamo come riconoscerla, quali sono i prodotti migliori da utilizzare, cosa fare e cosa invece è meglio non fare 

La pelle mista è sicuramente del tipo di pelle più difficile da trattare, che richiede più attenzione degli altri. I motivi sono molteplici ma la ragione principale è che la pelle mista è anche difficile da riconoscere: individuarne i tratti caratteristici può aiutare a capire meglio come trattarla e quali comportamenti evitare.

In questa piccola guida noi di Tindora vogliamo darti qualche consiglio su come riconoscere la pelle mista, quali sono i prodotti migliori da usare e alcune accortezze da prendere in considerazione. 

Pelle mista, come riconoscerla

Partiamo dalla base: come riconoscere la pelle mista? Molto spesso infatti non è facile capire quale sia il proprio tipo di pelle, tanto più che la maggior parte delle volte la cute di tipo misto viene scambiata per cute grassa. 

In realtà la pelle mista presenta allo stesso tempo caratteristiche tipiche della pelle grassa come sebo in eccesso, tendenza acneica e pori dilatati, ed elementi propri della pelle secca (colorito spento, pelle squamata e ruvida).

In genere nelle persone con pelle mista è la cosiddetta zona T che si presenta grassa. La fronte, il naso e a volte anche il mento sono infatti molto soggetti a eccesso di sebo, causando una patina lucida sulla cute, che spesso è vittima di acne o punti neri molto difficili da mandare via.

Al contrario la pelle di guance, labbra e contorno occhi è invece secca: in queste zone le ghiandole sebacee non lavorano adeguatamente e producono meno sebo di quanto in realtà è necessario per proteggere la pelle dalle aggressioni esterne (ad esempio smog, sbalzi ormonali o di temperatura). 

Le caratteristiche principali per capire se abbiamo una pelle secca sono:

  • eccesso di sebo localizzato sulla zona T;
  • pelle che “tira”, dando una sensazione di tensione in determinate zone del viso;
  • colorito spento e non omogeneo;
  • tono irregolare (acne, punti neri, brufoli sottopelle).

Pelle mista come prendercene cura nel modo corretto

Pelle secca, cosa fare e cosa evitare: guida ai prodotti da usare

Il rischio maggiore di chi ha una pelle mista, come abbiamo accennato, è non riconoscerla come tale, scambiandola per cute grassa. La conseguenza è l’impiego di prodotti dedicati a contrastare il sebo in eccesso che, utilizzati su tutto il viso, possono seccare ulteriormente le zone già poco idratate del volto.

Se invece si utilizzano prodotti per pelli secche, l’effetto sulla pelle è esattamente il contrario: la sensazione che la cute “tiri” e sia poco elastica è dovuta proprio all’effetto aggressivo di creme e detergenti di questo tipo. La soluzione migliore per prendersi cura della pelle mista è affidarsi a prodotti seboregolatori, che vadano ad eliminare il sebo in eccesso lì dove serve, e allo stesso tempo possano andare a lenire maggiormente le zone più secche. 

È per questo motivo che noi di Tindora abbiamo studiato a fondo una formula che possa adattarsi a tutti i tipi di pelle, curandone le peculiarità senza danneggiare la cute: grazie a questo tipo di composizione infatti, i nostri prodotti per la skin care quotidiana sono adatti sia a una pelle grassa, sia a una pelle secca, sia al tipo di pelle mista.

Una buona pratica è poi effettuare degli scrub specifici per la zona T, quella a tendenza più grassa. Un consiglio di base che ci sentiamo di dare è di utilizzare prevalentemente prodotti bio, che non contengano petrolati o altre sostanze che risultano molto dannose per l’epidermide. Se la zona in cui vivete è soggetta a forte smog, dovrete avere un occhio di riguardo anche per la pelle mista.

Alla base però deve esserci una skin routine dedicata da seguire ogni giorno: usare un detergente non aggressivo, una crema idratante equilibrata e non esagerare con l’esfoliazione sono i consigli che ci sentiamo di darvi se avete riconosciuto di avere una pelle mista. Come per tutti gli altri tipi di pelle, mai dimenticare una pulizia periodica e approfondita del viso, ad esempio con peeling o scrub.